© 2016 by Architetto Willj Zecchin - www.architettozecchin.com

MT- Magnetoscopia

 La magnetoscopia (controllo magnetoscopico, anche detto semplicemente controllo magnetico o incrinoscopia) è un tipo di controllo non distruttivo utilizzato per la ricerca di indicazioni superficiali e sub-superficiali in pezzi metallici.

Si basa sull’attrazione di particelle ferromagnetiche e disperse in liquido attratte dal campo magnetico disperso in prossimità delle eventuali difettologie. Le particelle magnetiche possono avere una pigmentazione fluorescente (quindi visibile in ambiente oscurato tramite lampada a raggi UV) od a contrasto di colore (visibili quindi con luce bianca ambientale).

Essa consiste nella magnetizzazione del pezzo: in corrispondenza di indicazioni si manifesta una deviazione delle linee di forza magnetiche verso l’esterno formando così un flusso disperso. Cospargendo il pezzo con polveri magnetiche, sia a secco che in sospensione liquida, queste vengono attratte dall’indicazione. L’accumulo di tali polveri consente la rilevazione di essa.